Vuelta al Bidasoa: Negrente vince l’ultima tappa, Sobrero è secondo in classifica. Garosio 2° alla Muri Fermani

 

BERGAMO (BG) – Si chiude in bellezza la trasferta spagnola del Team Colpack alla 45/a Bidasoa Itzulia – Vuelta al Bidasoa. Oggi nella quarta e ultima tappa di 77,5 chilometri, con partenza e arrivo a Irun e con tre Gpm di prima categoria, si è imposto il veronese Marco Negrente che ha regalato la seconda affermazione di tappa nella corsa iberica alla squadra bergamasca del presidente Beppe Colleoni dopo quella di Matteo Sobrero due giorni fa.

Proprio il piemontese Matteo Sobrero, terzo oggi al traguardo, ha chiuso al secondo posto in classifica generale con lo stesso tempo del leader, lo spagnolo Sergio Samitier (Lizarte) che lo ha battuto ai punti. “Sono comunque molto contento di questo risultato. Ero venuto in Spagna per fare bene, ma sinceramente non mi aspettavo di vincere una tappa e potermi giocare fino all’ultimo la vittoria del giro”, ha commentato il cuneese al termine della tappa. Sobrero esce dalla “Bidasoa” con la consapevolezza di poter essere competitivo ad alti livelli, un bel regalo in vista dei 20 anni che compirà proprio domani.

Ma molto competitivo è stato tutto il Team Colpack che ha fatto incetta di maglie vincendo la classifica finale a squadre, la maglia della classifica scalatori con Alessandro Fedeli, quella dei traguardi volanti con Alessandro Covi e quella degli stranieri con Sobrero.

La giornata era cominciata con una fuga di sei corridori nella quale la formazione diretta da Gianluca Valoti ha inserito Pietro Andreoletti e Alessandro Covi, con quest’ultimo che è andato a vincere il traguardo volante portandosi a casa la maglia della speciale classifica. Una volta ripresi questi fuggitivi, la corsa si è accesa sull’ultima salita. È andato all’attacco Negrente per provare il colpaccio anche in classifica, ma è stato ripreso dai migliori in fondo alla discesa. Nella volata finale tra un gruppetto di 12 corridori lo stesso Negrente è partito molto lungo, sorprendendo tutti quanti e andando a cogliere la sua seconda affermazione stagionale. Da segnalare anche una caduta che ha coinvolto Fedeli a 300 metri dall’arrivo, senza gravi conseguenze.

 

Oggi la tappa era forse un po’ troppo dura per Sobrero e non potevamo davvero chiedere di più. Siamo molto contenti e soddisfatti di quello che i ragazzi sono riusciti a fare in questi quattro giorni. Vincere due tappe ed essere protagonisti nelle diverse classifiche e anche per la vittoria finale è stato un grande risultato, soprattutto per Sobrero”, il commento del diretto sportivo Valoti che con Rossella Dileo ha guidato la spedizione spagnola.

LA MURI FERMANI – La squadra del team manager Antonio Bevilacqua ha corso oggi anche in Italia, nelle Marche, alla Muri Fermani 2017 a Fermo: secondo posto per Andrea Garosio, quarto Umberto Orsini e settimo Simone Bettinelli.

Gara molto bella e impegnativa nel finale. Inizialmente è il vento a fare la differenza, Viris Maserati e General Store con un ventaglio portano via un gruppo di 29 corridori. Sono lesti ad inserirsi Francesco Lamon, Simone Bettinelli e Stefano Baffi. Questo permette agli altri compagni di restare tranquilli nel gruppo dove ci sono Garosio, Orsini, Andrea Toniatti e Lucio Pierantozzi che ha dato un grande contributo per portare i compagni scalatori nelle prime posizioni all’imbocco del primo dei muri fermani dove il plotone è tornato compatto. A questo punto è esplosa la corsa. Sul terzultimo muro ha provato a scappare Orsini, poi ripreso da altri cinque corridori tra i quali anche il compagno Garosio. Proprio il bresciano ha provato ad anticipare la volata, ma nulla da fare si è dovuto accontentare della seconda piazza alle spalle del colombiano Einer Augusto Rubio Reyes della Vejus-TMF.

Domani la squadra orobica sarà a Carrara (Ms) per l’internazionale 30° Gran Premio Industria del Marmo e a Osteria Grande (Bologna) per la 66/a Coppa Varignana – 64/a Coppa Dal Fiume.

161 Visite totali, 1 visite odierne

Articoli Che ti potrebbero Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *