OMAGGIO A SCARPONI: CYCLING STARS CRITERIUM SARA’ DEDICATO AL CAMPIONE MARCHIGIANO

 

Montebelluna (TV) – 19.05.2017. La prima edizione del Cycling Stars Criterium in programma lunedì 29 maggio 2017 a Montebelluna sarà dedicata alla memoria di Michele Scarponi, dolorosamente scomparso la mattina del 22 aprile in un incidente stradale mentre si allenava in vista del Giro d’Italia.

L’idea, lanciata dagli stessi corridori che parteciperanno al Criterium attraverso l’ACCPI, l’associazione dei corridori ciclisti professionisti italiani, è stata subito sposata dal comitato organizzatore.
Non possiamo dimenticare un grande uomo e un grande ciclista come Michele Scarponi. La sua tragica e prematura scomparsa ci ha toccati tutti nel profondo. Per questo la prima edizione del Cycling Stars Criterium sarà dedicata a lui, mantenendo vivo il ricordo attraverso ciò che amava fare di più: correre in bicicletta per sentirsi libero” ha spiegato il presidente del comitato organizzatore Enrico Bonsembiante.

Scarponi era un atleta stimato ed apprezzato che ha lasciato un vuoto incolmabile nel mondo del ciclismo e dello sport in generale. Professionista dal 2002, volava in salita, tanto da guadagnarsi l’appellativo di “Aquila di Filottrano“. Il suo palmares è ricco di successi, dal Giro d’Italia vinto nel 2011 alla Tirreno-Adriatico del 2009 ma al di là dei successi Scarponi era conosciuto per il suo altruismo, per la sua ironia e simpatia.

Il 29 maggio Montebelluna vivrà il ricordo di Scarponi anche attraverso l’omaggio degli ex-professionisti, che parteciperanno alla corsa a loro dedicata indossando tutti la stessa maglia, per ricordare il collega scomparso.

Cristian Salvato, presidente dell’Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani (ACCPI) commenta: «Nel ricordo di Michele pedaleremo tutti con la stessa maglia, per sensibilizzare una volta di più tutti i fruitori della strada al rispetto dei ciclisti. I recenti incidenti del pilota Nicky Hayden e della triatleta Julia Viellehner dimostrano una volta di più quanto sia urgente un intervento delle istituzione per ridurre i numeri di morti sulle nostre strade, che hanno toccato ormai cifre spaventose, e un cambio culturale di chi è al volante. Il dolore che abbiamo provato per la perdita di uno di noi, si rinnova ad ogni evento di cronaca nera, e ci spinge a lottare con ancora più tenacia. Michele sarà il nostro capitano per questa battaglia».

505 Visite totali, 2 visite odierne

Articoli Che ti potrebbero Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *