Filippo Zaccanti vola in salita e vince la Schio Ossario del Pasubio

 

BERGAMO (BG) – Il bergamasco Filippo Zaccanti del Team Colpack si è reso protagonista di uno splendido assolo in salita, vincendo per distacco l’80/a Schio Ossario del Pasubio, corsa oggi sulle strade del Vicentino. L’orobico ha rifilato quasi un minuto di distacco ad Einer Augusto Rubio Reyes (Vejus-TMF) e 1’20” al terzo classificato, il trentino Riccardo Lucca (Zalf Euromobil Désirée Fior). Impressionante la sua progressione sulla salita finale, così come eccezionale è stato il lavoro svolto da tutti i suoi compagni. 

Nella prima parte di giornata tiene banco una fuga di quattro corridori che il gruppo, trainato proprio dalla Colpack, mantiene sotto controllo. Sulla salita prima attacca Simone Guizzetti, poi ci prova Marco Negrente, quindi ancora Guizzetti che riescono a spaccare letteralmente il gruppo dei migliori fino all’affondo decisivo di Zaccanti che si alza sui pedali e vola verso la vittoria, la prima personale della stagione 2017. Meritano un applauso anche gli altri componenti del Team Colpack, ovvero Zanoncello, Vettorel e Dalla Valle che hanno svolto un lavoro encomiabile. 

Si correva oggi a Ceglie Messapica (Brindisi) il Campionato Italiano degli Elite senza contratto con la formazione orobica che schierava sei corridori, ma non sono arrivati i risultati sperati al termine di una giornata no. Domani i ragazzi del presidente Beppe Colleoni cercheranno il riscatto nella prova tricolore degli Under 23.

Ordine d’arrivo:
1° Filippo Zaccanti (Colpack)
2° Augusto Einer Rubio Reyes (Vejus TMF) a 57″
3° Riccardo Lucca (Zalf Euromobil Désirée Fior) a 1’20”
4° Davide Botta (Vc Mendrisio Pl Valli)
5° Davide Cecchin (Bper Banca Gobbi)
6° Ruggero Minisini (Northwave Upper Cervical) a 1’40”
7° Andrea Calza (Gaiplast Bibanese)
8° Leonardo Moggio (Cipollini Iseo Rime) a 2’10”
9° Edoardo Francesco Faresin (Zalf Euromobil Désirée Fior) a 2’20”
10° Kristian Yustre Rodriguez (Uc Pistoiese) a 2’35”

201 Visite totali, 0 visite odierne

Articoli Che ti potrebbero Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *