Molti dei protagonisti del Giro d’Italia Under 23 Enel correranno tra i professionisti nel 2018

Il Giro d’Italia Under 23 Enel come fucina di talenti. Le squadre professionistiche hanno fatto incetta dei ciclisti che si sono messi in luce alla corsa giovanile tornata quest’anno sulle strade dopo 10 anni di assenza, basti pensare che 9 dei primi 10 della classifica generale hanno già in tasca un contratto da professionisti nel 2018.

Il trasferimento che ha fatto parlare di più è senz’altro quello di Pavel Sivakov, Maglia Rosa Enel 2017, al Team Sky, la squadra più ricca e competitiva del circuito World Tour. Ci aspettiamo di vedere Pavel come uno dei grandi protagonisti della stagione 2018.

Ma Sivakov non è l’unico a cui si apriranno le strade del grande ciclismo: lo statunitense Neilson Powless, vincitore della prima tappa a Imola con la Axeon Hagens Berman, si accasa in Olanda al Team LottoNL-Jumbo; l’australiano Lucas Hamilton, secondo classificato e vincitore della crono di Campocavallo, passa dalla Michelton Scott alla “prima squadra” del suo paese, la Orica Scott mentre il suo ex compagno di squadra Jai Hindley, vincitore a Campo Imperatore e terzo della generale, si trasferisce in Olanda, alla Sunweb di Doumulin.

La Maglia Verde Friliver Sport Nicholas Dlamini è promosso in prima squadra alla Dimention Data insieme all’inglese Scott Davis, quarto in generale al Giro U23 e proveniente dal Team Wiggins.

La Maglia Azzurra GLS Álvaro José Hodeg passa dalla Coldeportes – Claro alla Quick-Step Floors. Alexandr Riabushenko, ex campione europeo U23 e vincitore dell’arrivo in salita a Castellarano, farà parte della UAE Team Emirates di Fabio Aru. Il quinto classificato in generale e vincitore sul traguardo di Forlì, l’ucraino Mark Padun, passa dalla Colpack alla Bahrein Merida di Vincenzo Nibali. Il primo degli italiani in generale Nicola Conci correrà invece per la Trek Segafredo.

Ufficio Stampa Giro d’Italia Under 23 Enel

Condividi
Leggi il seguito

LA BARDIANI-CSF AL LAVORO PER IL 2018. DICIASSETTE CORRIDORI IN ORGANICO PER LA NUOVA STAGIONE

Conclusa la stagione 2017 una settimana fa al Tour of Hainan, la Bardiani-CSF ha terminato anche le operazioni di consolidamento del proprio organico in vista del 2018.

Cinque i nuovi innesti guidati, in primis, da Andrea Guardini e Manuel Senni, professionisti che nel 2017 hanno militato nei team World Tour UAE Emirates e BMC. Ai due si aggiungo tre U23 pronti al salto definitivo tra i professionisti: Giovanni Carboni e Umberto Orsini dal Team Colpack-Marchiol, Daniel Savini dal GS Maltinti.

Dodici i corridori già sotto contratto e presenti nell’organico 2017: Vincenzo Albanese, Simone Andreetta, Enrico Barbin, Michael Bresciani, Giulio Ciccone, Mirco Maestri, Marco Maronese, Lorenzo Rota, Paolo Simion, Simone Sterbini, Alessandro Tonelli e Luca Wackermann.

In riferimento al roster 2017, il team comunica anche di aver raggiunto un accordo consensuale con gli atleti Nicola Boem e Niccolò Pacinotti per la rescissione del contratto.

Fedele al progetto #GreenTeam, la Bardiani-CSF 2018 avrà un’età 23.5 anni e sarà composta da corridori esclusivamente italiani. La gestione sarà affidata a Bruno Reverberi (general manager), Roberto Reverberi (team manager e direttore sportivo), Stefano Zanatta (direttore sportivo) e Claudio Cucinotta (preparatore atletico e direttore sportivo).

Il primo ritiro collegiale del #GreenTeam in vista della nuova stagione è previsto dal 4 al 6 dicembre a Montecchio Emilia (Reggio Emilia).

Condividi
Leggi il seguito