Dino Salvoldi : “Le nazionali femminili si sono riconfermate, ma resta un pizzico di rammarico per Ponferrada”

savoldi

“Quest’anno le nazionali femminili si sono confermate: abbiamo portato a casa 13 medaglie importanti, soprattutto nella pista, dove abbiamo ottenuto successi di qualità nell’inseguimento a squadre”. Sono le parole di Dino Salvoldi, commissario tecnico della nazionale italiana femminile, ai microfoni della trasmissione di Elleradio “Ultimo Chilometro”.

Questi risultati così importanti in pista sono arrivati nel breve periodo: “Si potrebbe fare sicuramente ancora meglio di ciò che abbiamo già fatto anche con le infrastrutture che abbiamo già a disposizione: ci è bastato poco, Montichiari è operativo dal 2010 e in poco tempo siamo riusciti a creare un movimento che a livello giovanile ha portato risultati importanti e adesso vediamo i frutti anche nelle prove di qualificazione olimpica”.

Per quanto riguarda la strada, c’è un pizzico di rammarico: “Abbiamo lasciato qualcosa di incompiuto a Ponferrada, perché siamo consapevoli che avremmo potuto concorrere per l’oro sia nelle Junior che nelle Elite. La Bronzini porta ancora oggi le conseguenze di quella caduta: dobbiamo comunque esserle riconoscenti per quanto di bene ha fatto in tanti anni”.

Salvoldi auspica anche che nel settore maschile ci possa essere una crescita senza la fretta di ottenere risultati: “Quando mi hanno chiesto se avessi dei segreti ho sempre risposto che in realtà tutto dipende dalla continuità e dal sistema che si è riuscito a creare. Bisognerebbe avere la pazienza di far lavorare le persone prescelte con continuità e senza l’assillo dei risultati immediati: se ci fosse questa pazienza il modello di un’unica figura che controlla tutte le nazionali, anche quelle dei più giovani, forse sarebbe esportabile”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *