LORIS GIERI : GRANDE ASSOLO ALLA 59.a LUGO – SAN MARINO

Verrebbe da dire: Loris Gieri e basta! Tanta è stata la supremazia dimostrata oggi alla 59.a edizione della Lugo – San Marino, memorial Lorenzo Berardi, Gran Premio BCC ravennate e imolese e Banca di San Marino-Ente Cassa di Faetano con la regia organizzativa della Società Ciclistica Francesco Baracca di Lugo. I battuti di giornata rispondono ai blasonati nomi di Giosuè Crescioli e Emanuele Ansaloni che, a dire la verità, hanno affrontato la salita finale di otto chilometri e mezzo ben distanti dal solitario atleta della cotignolese guidato da Vanni Flamini. La vittoria odierna di Gieri colma una lacuna: infatti l’ultima vittoria di un romagnolo sul traguardo del Monte Titano risaliva al 1994 (Marco Turicchia).
La rincorsa dei due si è arrestata però quando ancora il traguardo non era in vista ed il ritardo si era stabilizzato in circa 1’30”.
Ma andiamo con ordine. Centosessanta allievi con qualche rappresentante femminile sui centonovantadue iscritti alla classica di fine stagione cui avevano dato il proprio appoggio La segreteria di stato del turismo della Repubblica di San Marino, il Comune di Lugo e l’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, in una mattinata di inizio ottobre piuttosto nuvolosa anche se senza pioggia e subito, al km.7, il primo tentativo di fuga. Dinnanzi a tutti, dopo il T.V. Conad di Cotignola (CPDA Bagnacavallo) in cui ha prevalso Faccio su Ferrieri e Chiarucci, l’emiliano della Simec Fanton Stefano Scopece, vantaggio massimo 19”, ma il cui tentativo si esaurisce presto. Nell’attraversamento di Ghibullo in vantaggio il fanese Martinelli seguito dappresso dal consocio Cecchettini e dal ferrarese Chiccoli. A San Pietro in Campiano al terzetto appena riunitosi si aggregano il faentino Chiarucci, il lughese Gieri, l’ emiliano Ferretti, il toscano Galli, il veneto Faccio e l’umbro Giorgio.
Da un vantaggio iniziale di 26” i nove al comando a S.Zaccaria hanno incrementato a 40” su Casamini e 1’02” sul gruppo. A Montaletto, prima ora di corsa, la media è di km.45 ed il vantaggio è nel frattempo salito a 2’35”. Poco prima è stato riassorbito Casamini e, a Gatteo, si stacca Chiccoli. Nell’attraversamento della Via Emilia a Savignano sul Rubicone il divario è salito a ben 4’06”. Il breve strappo dopo Savignano crea un terremoto tra i fuggitivi. In testa rimangono solitari Gieri e Faccio con 12” su Galli (Aquila), Martinelli (Alma Juve Fano), Ferretti (Barba), Giorgio (Fortebraccio) e Charucci (Reda); il gruppo è a 4’05”. Nel frattempo il T.V. Conad di Ponte Verucchio (Superstore Villa Verucchio) è appannaggio nuovamente di Faccio su Gieri e Galli.
Altro T.V. (Federazione Sammarinese Ciclismo) a Gualdicciolo nei pressi del confine di stato ed anche stavolta il veneto Faccio passa dinnanzi a Gieri.
Allorchè mancano ottomila metri al traguardo inizia l’assolo di Gieri che si sbarazza del compagno di fuga che un chilometro più avanti accusa un ritardo di 1’30” mentre, più indietro ci sono Martinelli, Ferretti, Chiarucci e Galli. In forte rimonta Crescioli, Ansaloni e Roberti, ma il tentativo estremo di recupero non approda a nulla. Il T.V. di Borgo Maggiore (Superstore Conad Azzurro) è stato appannaggio di Gieri su Ansaloni.
A Gieri quindi sul prestigioso traguardo di San Marino l’applauso caloroso nel numerosissimo pubblico. Più tardi, nella splendida sala “Arengo” del palazzo Kursaal, alla presenza di Stefano Gennari, Consigliere della Banca di San Marino-Ente Cassa di Faetano, di Cesaretti Daniele, in rappresentanza del Panathlon Club sammarinese, della signora Garavini Valentina, Presidente Lions Club, della signora Stolfi Fresi Franca, Vice Presidente del Comitato Paralimpico Sammarinese, di Rosti Pier Marino della Federazione Sammarinese Ciclismo, di Gasperoni Federico del Superstore Conad Azzurro Serravalle di San Marino e di Giorgio Tampieri, Presidente della Società Organizzatrice, si è svolta la sontuosa cerimonia di premiazione. Anche in quest’ultimo atto la parte del leone l’ha fatta il vincitore della classica Loris Gieri che si è aggiudicato il 18° memorial Lorenzo Berardi per il vincitore, il 10° memorial Orfeo Lodolini per il primo romagnolo, il 5° memorial Vicenzino Ragazzini per il più combattivo e il 3° memorial Sante Seganti. Carbonari Anastasia è stata premiata quale migliore classificata femminile, Bordignon Davide ha ritirato il Premio Panathlon destinato all’ultimo classificato dalla giuria, Crescioli Giosuè il premio Lions per il primo extraregionale, Marcheggiani Roberto il premio Comitato Paralimpico Sammarinese per il più giovane classificato. Infine il Gran Premio della Pianura CONAD è andato alla SC Cotignolese, che ha superato nel puntaggio complessivo V.C.Bassano 1892 e G.S. S. Maria Codifiume.

Ordine di arrivo:
1)Gieri Loris (SC Cotignolese) Km.95 in 2.28.00 media km.38,514;
2) Crescioli Giosuè (UC Empolese) a 1’25”;
3) Ansaloni Emanuele (GS S. Maria Codifiume);
4) Roberti Luca (Velosport Ferentino) a 1’40”;
5) Zampolini Diego ( Alma Juventus Fano);
6) Baroncini Filippo (Massese Minipan);
7) Cantoni Andrea (Fiumicinese);
8) Dapporto Davide (Cotignolese);
9) Ciuccarelli Riccardo (Cicli Falgiani);
10) Pellizzari Gabriele (UC Foligno);
11) Marcheggiani Roberto (Gubbio ciclismo Mocaiana);
12) Domenicali Matteo (Reda);
13) Pantalla Alessio (UC Foligno);
14) Frigo Marco (VC Bassano 1892);
15) Pinardi Davide (Santerno Fabbi Imola).

586 Visite totali, 1 visite odierne

Articoli Che ti potrebbero Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *