LE 4 ITALIANE AL #GIRO100: VOLENDO, SI PUO’!

La Gazzetta dello Sport pubblica una fotografia della drammatica situazione squadre in Italia. La NIPPO rilancia la richiesta a RCS Sport per fare un’eccezione, per un #Giro100 unico e speciale che mai più ricapiterà, chiedendo una deroga sul numero di partenti all’UCI. E nasce la campagna #Giro100Italiano.
 
LA DEROGA
Mai come nel 2017, il Ciclismo Italiano evidenzia uno stato di crisi così profondo. La fotografia della drammatica situazione fatta dalla Gazzetta dello Sport il 6 Febbraio è completata da una nuova linea, con il numero di team Italiani partecipanti al Giro d’Italia. Quest’anno, l’Italia per la prima volta orfana di un team World Tour, avrà solo 2 squadre Italiane al via. Un record in negativo, mai toccato nella storia. Per questo la NIPPO Vini Fantini non si arrende e lancia un messaggio forte e chiaro: “Volendo, si può”.
 

A gran voce gli #OrangeBlue (supportati anche dall’Androni Giocattoli, altro team escluso dal Giro d’Italia 2017) lanciano questo appello per convincere RCS Sport a chiedere una deroga all’UCI: aumentare il numero di corridori partenti alla corsa rosa, da 200 a 210 e chiedere – per comune e solidale sostegno tra team di pari categoria, in un anno unico come il 2017 del #Giro100 – ai soli team Professional di rinunciare ad un corridore ognuno. In questo modo si creerebbe lo spazio per 16 atleti: esattamente altre 2 squadre Professional da 8 corridori. I team Italiani meritano di potersi esibire e dare il meglio, per loro e per il movimento ciclistico del paese così in difficoltà.
 

IL CASO IN PARLAMENTO
L’appello viene lanciato dopo che tutto il movimento ciclistico e sportivo a più livelli ha fatto sentire la propria voce. Spontaneamente, in ogni dove, sono nati messaggi e articoli di solidarietà verso i team esclusi, da cui sono scaturite anche petizioni spontanee, compresa quella lanciata da Alessandro Rossi con oltre 1500 firme. Un evento così importante che ha suscitato l’interesse anche della Politica, portando addirittura il caso in Parlamento con interrogazioni provenienti da tutti i partiti per oltre 40 firme tra senatori e deputati aderenti: un fatto che evidenzia quanto nel paese ci sia attenzione e focus verso uno sport Nazionale da sempre bandiera dell’Italia nel mondo che purtroppo ha perso di importanza e sostegno.
 

In 10 giorni, la sola pagina NIPPO Vini Fantini su Facebook ha registrato un’audience fuori dal comune, con oltre 1 milione di persone raggiunte. La squadra che ha fatto della progettualità la propria bandiera, con una chiara mission basata sulla crescita dei migliori giovani talenti Italiani e Giapponesi guidati da atleti di classe ed esperienza, con un’attività internazionale, con chiarezza ed etica impeccabili gestiti da nuove professionalità fino alle Olimpiadi di Tokyo 2020, ha raccolto solidarietà e sostegno da tifosi, squadre e mondo dello sport in generale e per questo ringrazia di cuore, addirittura stupita dall’incredibile seguito registrato, dimostrazione del buon lavoro svolto per migliorare e contribuire a innovare questo bellissimo sport.
 

L’ECCEZIONE, PER IL #GIRO100
Il Team è cosciente del complicato ruolo che la società organizzatrice del Giro d’Italia, RCS Sport, ha nel dirimersi tra sviluppo internazionale, tutela dei propri interessi ed opportunità e protezione del movimento ciclistico Italiano. Un lavoro da “equilibristi”, ma che ha un valore strategico per il ciclismo che ha fatto scuola nel mondo. All’alba del #Giro100, c’è un’opportunità eccezionale, di fare l’ulteriore – e necessario – gesto verso un ciclismo Italiano che dal 2000 ha corso sempre più verso il basso e questo potrebbe essere il colpo fatale.
 

Quello che chiediamo al board di RCS Sport, proprio in virtù dei valori e dell’importanza che questo Giro ha e avrà sull’economia del ciclismo Nazionale, è di sfruttare l’opportunità di chiedere una deroga all’UCI: sappiamo che questa richiesta è una deroga e rimane un evento eccezionale, unico e irripetibile. Non un precedente, bensì un’eccezione per un evento speciale. Esattamente come il #Giro100, l’edizione che più di ogni altra rappresenterà la bandiera del ciclismo tricolore, edizione della memoria di quello che il Ciclismo Italiano ha fatto e proiezione di quello che farà, per le prossime 100 edizioni. 
 

Per questo oggi nasce #Giro100Italiano, l’hashtag di sensibilizzazione per convincere RCS Sport a chiedere questa deroga. Ci sono tutti i motivi per farlo, e far vincere il Ciclismo Italiano, tutti insieme.

30 Visite totali, 1 visite odierne

Articoli Che ti potrebbero Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *